Menu

Cart
zoom
armanda-first armanda-second

Armanda Desidery “Blackmamba”

Giulio Martino (sax tenore, sax soprano)
Armanda Desidery (pianoforte)
Antonio De Luise (contrabbasso)
Gianluca Brugnano (batteria)

Contemporary Jazz – Four CD CO418 (2014)

Prezzo di vendita: € 12,00
  • Descrizione
  • Audio
  • Video

Ogni artista dovrebbe lavorare esclusivamente sull’emotività prima di qualunque tecnica. Combinare l’artificio della musica, la sua teoria e la pratica con la propria personalità, il carattere, le emozioni, le sensazioni scaturite dall’approccio intimo ed istintivo con le proprie note è la giusta strada da percorrere, forse l’unica. Ed è proprio quello che Armanda Desidery riesce a comunicare, attraversando le molteplici strade dei tasti bianchi e neri del suo pianoforte. Blackmamba è un album jazz moderno ma imparagonabile ad altri ascolti analoghi, il quale si lascia assaporare con leggerezza sin da “Divagazioni” il brano di apertura, senza tralasciare un certo impegno e un raffinatissimo gusto nelle composizioni, tutte ad opera di Armanda.
La scelta di registrare brani propri infatti, mette ancora più in luce lo stampo eclettico ed introspettivo del progetto e dell’artista stessa. Le altalene emotive che pervadono l’intero disco, infatti, sono come un’esplorazione dell’io della pianista e non a caso il secondo brano s’intitola: “Il viaggio”. Le dinamiche si abbassano e i riflettori calano la loro intensità per un momento di intimità materna nel divenire armonico di “Loredana”, contrappuntato da un solo della pianista partenopea che mette in risalto tutto il suo carattere. “Arles” combina l’anticonformismo dell’improvvisazione moderna e gli afflati del jazz newyorkese contemporaneo, che sia gli arrangiamenti che i soli del sassofonista tenore Giulio Martino e del batterista Gianluca Brugnano evidenziano appieno. Con “Un giorno qualunque” si ritorna ad una calma suggestiva, quasi poetica: una ballad raffinata, con reminiscenze alla Theolonius Monk.Il 3/4 di “Peter Pan” è introdotto da un’intro di piano cerebrale e immaginifico, per poi esplodere in tutta la sua forza all’ingresso della band. “Frog’s Flight” con gli inserti latin che frammentano la coinvolgente ritmica sembra tener fede al significato del titolo, come una rana che salta in libertà. “Blackmamba” ci porta ancora tra i disegni della contemporaneità minimal e rumoristica grazie all’intro del contrabbassista Antonio De Luise che, tra archetto e suoni percussivi introduce il tema principale di Blackmamba, forte di interessanti soluzioni ritmiche e dinamiche fuorvianti. A chiudere il disco il jazz waltz di “Come un angelo”, dove troviamo un godibilissimo solo di contrabbasso e “The Ladyman”, chiusa funk jazz che molto sa del sound seventies di Hancock. Blackmamba insomma, è quel serpente tentatore di ogni purezza classica della musica, di ogni visione conformista e banale al quale spesso siamo abituati, trascinandoci non solo nelle grazie dell’era moderna e contemporanea del jazz ma anche all’interno dei sentimenti di Armanda Desidery che, con questo progetto, ci lascia intravedere uno spiraglio del suo animo artistico.

Gianluca Cardellicchio
Ufficio Stampa
Ass. Cult. Duke Ellington
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contatti Four

Sede operativa
70124 Bari - Via C. Rosalba, 47/J
Tel/fax. 080 9641086
Sede legale
72117 Ostuni (BR) - Viale F. Crispi, 85
E-mail info@four-edition.com
Cod. fiscale: 93322290722
P. IVA: 06423250726
Color I Color II Color III

Log In or Register