Menu

Cart

Quattro chiacchiere con...Maurizio Patarino e Stefania Lonero

Prezzo di vendita: € 12,00
Aggiungi al Carrello

In occasione dell'uscita del disco "Carosonissimo" (edizioni Fo(u)r), ne parliamo con Maurizio Patarino e Stefania Lonero.

Maurizio sei un chitarrista e hai voluto riservare il tuo personale omaggio a un pianista: perché Renato Carosone?
Carosone è uno dei massimi autori della tradizione Italiana, un po' dimenticato ultimamente e il cui valore come jazzista non è stato ampiamente riconosciuto.

Quali difficoltà hai trovato nel tradurre nel linguaggio chitarristico il vocabolario pianistico di Carosone?
In realtà poche non avendo inserito il pianoforte nel disco ho reinterpretato chitarristicamente le idee musicali di Carosone più che la sua maniera di esprimerle.

Era da tempo che avevi in serbo questo progetto? Come è nato e come hai scelto i tuoi compagni d'arte?
In realtà è nato da una idea di Stefania poi pian piano ha preso corpo nella mia mente sia il repertorio che come volevo suonasse: da qui la scelta dei musicisti.

C'è un ospite: Renato D'Aiello e il suo sassofono. Se avessi potuto scegliere un altro strumento, quale avresti scelto?
La tromba senza dubbio. E' il mio strumento preferito, sono cresciuto ascoltando Chet Baker.

Stefania, quindi sei tu l'artefice che ha dato il primo impulso al progetto: come è nato il tuo rapporto con la musica di Carosone?
E' nato più o meno quando sono nata io... in famiglia li ho sentiti canticchiare da sempre e poi anche suonare dal vivo da piccole band che mio nonno invitava ad esibirsi in casa...

Per i testi, per la pronuncia napoletana come ti sei regolata?
Beh con l'ascolto....come si fa con gli standard in americano o con i brani Bossa Nova in portoghese, il napoletano è una lingua a sé e si presta straordinariamente meglio dell'italiano allo swing, perché tante parole non finiscono con una vocale.

C'è qualche altra interprete che si è cimentata nel repertorio di Carosone alla quale ai fatto riferimento?
Di interpreti di Carosone ce ne saranno migliaia, ma poche donne che non lo cantino alla maniera neomelodica. Ho ascoltato delle belle interpretazioni solo di alcuni brani di Mina con dei begli arrangiamenti, però rigorosamente pop!

Comunque, chi è la tua vocalist di riferimento?
In assoluto? O chi lo è stata per questo progetto? Maria Pia De Vito è una che da sempre lavora trasformando egregiamente brani antichi in moderni, poi è napoletana verace, quindi non poteva che essere il mio faro...

Maurizio, e il tuo chitarrista di riferimento chi è?
Ho deciso di imparare a suonare la chitarra dopo essere andato ad un concerto di Pat Metheny agli inizi degli anni Ottanta, ma anche Barney Kessell è un chitarrista che mi ha sempre affascinato.

Secondo te si può dire che i brani di Carosone sono degli standard?
Assolutamente sì, brani come "Maruzzella" e "Amaramente" non hanno nulla da invidiare alle ballads americane e lo swing che pervade "Tu vuo' fa l'americano" ne fa un monumento della musica jazz made in Italy.

A tuo avviso a quale autore, compositore del songbook americano potrebbe essere rapportato Renato Carosone?
Forse Cole Porter per la vena ironica di alcuni testi dei suoi brani

Quanto è attuale la musica di Renato Carosone?
Come tutta la musica scritta bene è sempre attuale!

Perché il contrabbasso di Dario Di Lecce e anche il basso elettrico di Giuseppe Battista in due brani ("Guaglione" e "Torero")?
Dario è uno dei miei pupilli, uno dei tanti bravi allievi a cui ho avuto il piacere di insegnare. Giuseppe oltre che essere un amico di vecchia data è stato il bassista del progetto sin dal principio. Volendo dare spazio ad entrambi ho scelto per il basso elettrico i brani che meglio si adattavano (per me swing = contrabbasso)

A quale brano di Carosone hai dovuto rinunciare a malincuore?
Sicuramente a "Pianofortissimo", ma ho in mente un arrangiamento anche per questo brano per i prossimi concerti.

"O'Sarracino" in 5/4 con un break di batteria alla Joe Morello. Perché questa scelta?
E' uno dei brani più intriganti del repertorio di Carosone. dopo averlo sentito diventare un ballo di gruppo gli ho voluto restituire dignità avvicinandolo di più al jazz e quindi mi è venuto in mente "Take Five" brano tra i più conosciuti del repertorio jazzistico

Quali sono state le linee che hanno determinato la tua scelta negli arrangiamenti?
Ho ragionato brano per brano cercando di non essere ripetitivo e di essere il più originale possibile, chiaramente distaccandomi da quelle che erano le idee di Carosone e inserendo la mia maniera di vedere la sua musica

Maurizio, sei anche un didatta di vaglia e insegni presso la scuola Il Pentagramma di Bari. Qual è la prima cosa che insegni ai tuoi allievi?
Il rispetto verso gli altri musicisti/strumentisti per sentirsi parte di un solo suono. Infatti mi piace lavorare soprattutto sui gruppi di musica d'insieme.

Qual è l'approccio con il jazz dei più giovani?
A volte di scetticismo come se il jazz fosse una musica ' datata' ma poi una volta che lo conoscono bene diventano appassionati.

A tuo avviso, nella musica leggera italiana chi ha un po' di swing?
Ascolto poco la musica leggera ma non vedo nessuno forse a parte Giorgia.

Dopo "Carosonissimo" quali altri progetti/idee hai/avete in mente?
Sia io che Stefania siamo appassionati di musica brasiliana, ho anche scritto dei brani originali di cui lei ha scritto i testi. Non escludo che il prossimo lavoro sarà proprio sulla bossa nova.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia

Contatti Four

Sede operativa
70124 Bari - Via C. Rosalba, 47/J
Tel/fax. 080 9641086
Sede legale
72117 Ostuni (BR) - Viale F. Crispi, 85
E-mail info@four-edition.com
Cod. fiscale: 93322290722
P. IVA: 06423250726
Color I Color II Color III

Log In or Register